Pages - Menu

lunedì 21 luglio 2014

Clairely Monday: Il Dilemma dello Sfondo

Bene. In questo momento sto utilizzando uno sfondo per il blog che consiste in un mucchio di spermatozoi illuminati al neon che nuotano verso destra. Ho trovato il tutto alquanto divertente fino a qualche minuto fa, e cioè dopo essermi improvvisamente ricordata di aver pubblicato foto di me nuda un poco più in basso di qua. A fronte di ciò, ritengo che se al momento non state ammirando la versione fosforescente di un branco di proto-marmocchi a fianco delle mie eleganti chiappe, lo dobbiate in particolar modo a lui:

e a lui:

Quando trovi carino un branco di spermatozoi e al contempo detesti qualsiasi futura ipotesi di procreazione, gli omini verdi che di solito sollazzano nel microcosmo del tuo cranio rammentano improvvisamente di avere un lavoro. Così ti avvertono che qualcosa non funge, mediante la voce della tua coscienza che, in questo specifico caso, è Enzo Miccio*. Questa è soltanto una delle contraddizioni che emergono quando una certa blogger (io) è all'affannosa ricerca di un'immagine che si amalgami perfettamente ai contenuti visivi di un certo blog (il mio) senza smorzarne il consueto spirito ardimentoso (yeah). Contraddizione che infine degenera, innescando un momento in cui il dilemma dello sfondo si estende all'intera esistenza: Perché io odio il parmigiano sulla pasta, ma da solo mi piace, a patto che sia grattugiato fine fine. E lo mangio con un cucchiaio come fanno le nonne col semolino, e non c'è altra maniera in cui potrei mangiarlo perché se lo mangiassi a scaglie non avrebbe lo stesso sapore che ha da grattugiato. Allo stesso modo il mondo è fatto di paradossi, di gente che ama grattugiarsi le terga senza alcuno scopo riproduttivo, di gente che grattugia il parmigiano per poi non metterlo sulla pasta, di gente a cui piace qualcosa o qualcuno che poi si rivela non essere adatto a lei rimanendo un pelino intimorita dall'eventualità di rivivere la stessa delusione.

Ho grattugiato via lo sfondo perché stonava con le mie chiappe. Mi dispiace, però, e casualmente sono quasi le stesse parole che ho detto al mio ex dopo aver rotto. A seguito di un lungo e sentito travaglio, mi sono rassegnata all'unico motivo fiorito che non ricordasse il giardino della Fata Turchina, ovvero quello che vedete ai lati di questa pagina e che fra un mese potreste non vedere più perché avrò cambiato di nuovo idea e sarò nuovamente alla ricerca dello sfondo perfetto. Forse scegliere uno sfondo è un po' come scegliersi un uomo.

Forse per ora va bene così.

P.S.: Se state vedendo falli ovunque, probabilmente mi sono data al porno. Se invece vedete fiori e culi non preoccupatevi: è tutto normale.

*REBUS (3, 4)

Il primo che indovina vince un Plimmer!







xoxo,

Claire <3

Google+ Badge

Si è verificato un errore nel gadget

Followers

Google+ Followers

Pages - Menu

Blogger templates